Dermabase.it
OncoDermatologia
Melanome 2018
Melanome

Progressione del linfoma cutaneo non diagnosticato dopo terapia anti-TNF-alfa


Il linfoma cutaneo diagnosticato dopo terapia anti-fattore di necrosi tumorale alfa ( anti-TNF-alfa ) è stato riportato in letteratura, ma un chiaro collegamento tra entrambi gli eventi rimane elusivo.

Uno studio retrospettivo multicentrico e una revisione della letteratura hanno rivisto le esperienze con il linfoma cutaneo diagnosticato durante o dopo l'uso di terapie anti-TNF-alfa.

Sono stati identificati in totale 22 casi, inclusi 20 linfomi cutanei a cellule T ( CTCL ) e 2 linfomi cutanei a cellule B.

Nel gruppo linfoma cutaneo a cellule T, il 75% dei pazienti ha ricevuto un farmaco anti-TNF-alfa per una presunta condizione infiammatoria della cute.

La micosi fungoide e la sindrome di Sézary erano i sottotipi più comuni di linfoma cutaneo a cellule T diagnosticati.

La malattia avanzata ( stadio IIB fino a stadio IVA ) è stata comunemente osservata al momento della diagnosi e ha richiesto una terapia aggressiva, incluso il trapianto di cellule staminali in 3 pazienti; 2 pazienti in cui è stato diagnosticato linfoma cutaneo a cellule B hanno avuto un decorso indolente.

In totale 31 casi sono stati raccolti da una ricerca bibliografica.

In conclusione, i risultati dello studio retrospettivo hanno indicato che la malattia della maggior parte dei pazienti identificati sia stata erroneamente diagnosticata come psoriasi o eczema; pertanto, prima di iniziare la terapia con anti-TNF-alfa in pazienti con dermatite mal definita o con presentazione atipica di psoriasi, dovrebbe essere presa in considerazione una revisione morfologica e molecolare completa di campioni bioptici cutanei e campioni di sangue periferico. ( Xagena2018 )

Martinez-Escala ME et al, J Am Acad Dermatol 2018; 78: 1068-1076

Onco2018 Emo2018 Dermo2018 Farma2018


Indietro