Dermabase.it
OncoDermatologia
Melanome 2018
Melanome

Melanomi non-operabili: dubbi dei revisori dell’FDA su Talimogene laherparepvec


Due Comitati di Esperti dell’Agenzia regolatoria degli Stati Uniti, FDA ( Food and Drug Administration ), hanno espresso parere positivo sull’approvazione di Talimogene laherparepvec ( T-VEC; Oncovex GM-CSF ) per il trattamento dei pazienti con melanoma non-operabile.

I revisori dell’FDA avevano sollevato dubbi riguardo ai dati di sopravvivenza, sostenendo che non era chiaro se Talimogene laherparepvec potesse offrire un profilo rischio-beneficio accettabile.

Talimogene laherparepvec è la prima immunoterapia oncolitica, destinata ad essere impiegata nei pazienti con melanoma metastatico.

Il Talimogene laherparepvec contiene una versione geneticamente modificata del virus dell'herpes simplex ( HSV ) in grado di replicarsi nel tumore e causare la distruzione delle cellule tumorali e di conseguenza la loro morte. Inoltre Talimogene laherparepvec contiene anche un gene che codifica per GM-CSF ( fattore stimolante le colonie di macrofagi e granulociti ), che è espresso all’interno della cellula tumorale.
La rottura delle cellule tumorali permette il rilascio di antigeni tumore-correlati in modo da attivare una risposta immunitaria sistemica.

Sono stati esaminati i dati clinici che provenivano essenzialmente dallo studio di fase III, OPTiM ( anche noto come studio 005/05 ).
Erano stati arruolati 438 pazienti con melanoma non-trattato chirurgicamente, che erano stati assegnati in un rapporto 2:1 a Talimogene laherparepvec o al controllo ( GM-CSF ).
Le sostanze sono state iniettate direttamente nelle lesioni cutanee.

Talimogene laherparepvec ha migliorato in modo significativo il tasso di risposta duratura ( DDR; tasso di risposta completa o parziale ) che si è mantenuta per almeno 6 mesi, rispetto alla terapia di controllo con GM-CSF ( 16.3% versus 2.2%; P inferiore a 0.0001 ).

La sopravvivenza globale mediana è stata di 23.3 mesi nel gruppo Talimogene laherparepvec contro 18.9 mesi nel gruppo placebo.

I più comuni eventi avversi associati al trattamento con Talimogene laherparepvec sono stati: affaticamento, brividi, febbre, nausea, malattia simil-influenzale e dolore al sito di iniezione.

La cellulite al sito di iniezione ha rappresentato un importante evento avverso. Nel braccio Talimogene laherparepvec, 18 pazienti ( 6.2% ) hanno sviluppato cellulite; 7 eventi ( 2.4% ) sono stati classificati come gravi, e hanno richiesto il ricovero in ospedale. ( Xagena2015 )

Fonte: FDA, 2015

Onco2015 Dermo2015 Farma2105


Indietro